OSSERVATORIO NAZIONALE “ASL CULTURA”

Con la prima edizione di EXPO ASL CULTURA, lo scorso 23-24 novembre 2017, l’associazione Centro Studi Città di Foligno (CSF) ha inaugurato, in collaborazione con la Scuola a Rete in Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities (DiCultHer), un Osservatorio Nazionale sulle opportunità di valorizzazione del Patrimonio culturale italiano che possono scaturire da una più consapevole ed innovativa progettazione dei percorsi di ASL.

In linea con le priorità del Piano nazionale per l’Educazione al Patrimonio Culturale del MiBACT e del Piano Nazionale Scuola Digitale del MIUR, alcuni tra i membri di DiCultHer, coordinati dall’Associazione Centro Studi Città di Foligno e gli Stati Generali dell’Innovazione, hanno coinvolto gli operatori pubblici e privati della cultura italiana in un processo partecipativo per la redazione di linee guida operative da mettere a disposizione di tutte le scuole secondarie di secondo grado, con l’obiettivo ultimo di attivare progettazioni territoriali di alternanza “culturale” in tempo utile per assicurare la realizzazione delle attività nel contesto del 2018 Anno Europeo del Patrimonio culturale.

L’Osservatorio Nazionale “ASL CULTURA” si propone quindi di:

  • promuovere la diffusione e l’utilizzo delle linee guida operative per la co-progettazione di percorsi ASL di qualità in ambito artistico-culturale
  • organizzare una rassegna annuale delle buone pratiche realizzate su tutto il territorio nazionale
  • favorire l’incontro e il confronto fra tutti gli attori coinvolti nei progetti di ASL culturale, assicurando il protagonismo degli studenti
  • progettare, testare ed implementare un piano di monitoraggio e valutazione attraverso il quale pubblicare un primo Rapporto sull’ASL in ambito artistico-culturale entro il 2020
  • garantire il rispetto delle priorità fissate nel Manifesto “Ventotene Digitale” per la ridefinizione e riconoscimento delle Culture Digitali quale identità culturale della contemporaneità
brochure-A4-fronte-retro-Ventotene-Digitale